ItaliaUzbekistan
SITIU
 

 

legislazione in materia di investimenti esteri
 

La nuova legislazione in materia di Investimenti Esteri chiarisce e migliora una serie di definizioni utilizzate nelle leggi anteriori. Per esempio, l'art. 4 allarga la definizione di “investitore estero” includendovi i “corpi amministrativi o statali dei paesi esteri”. La nuova legislazione elimina l'ambiguità presente nella legge anteriore inerente le entità che possono essere considerate “soggetti legali esteri” utilizzando la frase di più ampio significato “soggetti legali, ogni altro partenariato, organizzazione o associazione costituiti e operanti in conformità con gli atti legislativi dei paesi esteri”.

Inoltre, l'art. 5, riguardante i diritti di proprietà intellettuale che possono contribuire ad attirare l'investimento estero, include “diritti d'autore, brevetti, marchi, modelli, disegno industriale e conoscenze, così come l'avviamento”. Dato l'importo del capitale sociale attualmente richiesto per qualificare un soggetto legale come “impresa a partecipazione straniera” (150.000$), l'ampliamento della definizione di proprietà intellettuale sarà certamente apprezzato da quegli investitori che vorranno includere tali beni come parte del capitale sociale.

Alcuni dei provvedimenti più sostanziosi introdotti dalla nuova legislazione riguardano la distensione delle regole relative all'assicurazione sugli investimenti. La legge anteriore consentiva di assicurare gli investimenti in Uzbekistan solo attraverso la Compagnia Assicurativa Nazionale della Repubblica dell'Uzbekistan oppure compagnie assicurative congiunte con la partecipazione di organizzazioni assicurative straniere. L'art. 16 della nuova legge autorizza l'assicurazione degli investimenti esteri da parte di “organizzazioni internazionali, agenzie estere statali per il credito estero, e altre compagnie assicurative”.

Inoltre, la nuova legge ha rimosso il divieto per “un'impresa a partecipazione straniera”, vigente con la legge anteriore, di possedere e utilizzare terreni e altre risorse naturali. La nuova legge stabilisce espressamente che tutte le proprietà e i diritti di proprietà di un investitore estero, eccetto la locazione, possono essere usati come garanzia creditizia.

L'art. 22 contiene un sostanziale miglioramento rispetto alla legge anteriore, infatti stabilisce che in caso di incongruenze tra la Legge sugli Investimenti e ogni altra legge o accordo internazionale siglato dalla Repubblica dell'Uzbekistan, ha valenza la clausola più favorevole per l'investitore straniero. La legislazione anteriore stabiliva solo che nel caso di un conflitto tra la legge e qualsiasi accordo internazionale, sarebbero state fatte valere le norme dell'accordo internazionale.

 

legislazione in materia di garanzie e misure di protezione dei diritti dell’investitore estero
 

Nonostante riaffermi ampiamente i provvedimenti della legislazione anteriore, la nuova Legge in materia di Garanzie apporta notevoli miglioramenti sostanziali. Come stabilito dalla legge anteriore, i diritti di un investitore estero sono garantiti per 10 anni, ma ora l'investitore può, a sua discrezione, applicare qualsiasi provvedimento contenuto in ogni nuova legislazione che possa migliorare le condizioni dell'investimento. Inoltre, i provvedimenti di stabilizzazione sono tesi espressamente a proteggere l'investitore straniero dagli effetti sfavorevoli della legislazione applicata, non solo scritta. L'art. 9 garantisce all'investitore straniero libero accesso agli atti dei regolamenti legislativi e dipartimentali che lo riguardino.

La nuova legge stabilisce anche che ogni requisizione imposta deve essere ridotta all'importo richiesto per raggiungere il risultato necessario, che deve essere valutato su basi non discriminatorie. Stabilisce anche che l'investitore straniero può impugnare in tribunale o in sede di arbitrato i fattori relativi alla requisizione (la causa, il valore, la valutazione e le procedure).

Infine, allo scopo di chiarire i provvedimenti di requisizione della legge anteriore, l'art. 10 della Legge sulle Garanzie stabilisce che l'arbitrato internazionale può essere regolamentato da un accordo tra le parti che rappresenta il mezzo esclusivo di risoluzione del conflitto rispettando le regole e le procedure degli accordi internazionali dei quali la Repubblica dell'Uzbekistan è firmataria. L'Uzbekistan ha accesso alla Convenzione ICSID e all'UNCITRAL. Un notevole cambiamento rispetto alla legislazione anteriore riguarda la possibilità di affidare all'arbitrato internazionale le dispute non relazionate all'investimento se le parti in conflitto sono d'accordo.

La nuova legislazione offre importanti protezioni all'investitore straniero e dovrebbe essere considerata come un significativo passo avanti. La nuova Legge sull'Investimento Estero e la Legge sulle Garanzie rappresenta un notevole sforzo volto a richiamare l'interesse degli investitori stranieri verso la Repubblica dell'Uzbekistan e a chiarire le ambiguità presenti nella legge anteriore.

 

Questo sito è realizzato da Informest nell'ambito del progetto SITIU, co-finanziato dalla legge L. 212/92 Ministero italiano Affari Esteri

Sito ottimizzato per Microsoft Internet Explorer 6.
Per problemi inerenti la visualizzazione del sito contattare il
Webmaster